Gelmini, che combini!

Come risaputo Mariastella Gelmini è una persona intelligente, colta e informata. Grazie a lei, ora ci è nota la presenza del tunnel CERN – Gran Sasso, lungo 730km e costato soltanto 45 milioni di euro!


Ufficio Stampa

Roma, 23 settembre 2011

Dichiarazione del ministro Mariastella Gelmini
“La scoperta del Cern di Ginevra e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare è un avvenimento scientifico di fondamentale importanza.”

Rivolgo il mio plauso e le mie più sentite congratulazioni agli autori di un esperimento storico. Sono profondamente grata a tutti i ricercatori italiani che hanno contribuito a questo evento che cambierà il volto della fisica moderna.
Il superamento della velocità della luce è una vittoria epocale per la ricerca scientifica di tutto il mondo.

Alla costruzione del tunnel tra il Cern ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si è svolto l’esperimento, l’Italia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro.

Inoltre, oggi l’Italia sostiene il Cern con assoluta convinzione, con un contributo di oltre 80 milioni di euro l’anno e gli eventi che stiamo vivendo ci confermano che si tratta di una scelta giusta e lungimirante”.

Riporto un po’ di tweets simpatici che stanno spopolando con l’hastag #tunnelgelmini

“Il Freccia Rotta è il nuovo treno superveloce, che, sfruttando il #tunnelgelmini, ti porta da L’Aquila a Ginevra in 38 nanosecondi”

“Napolitano in visita ufficiale al #tunnelgelmini chiede ai neutrini di abbassare i toni.”

“È un grande risultato: il limite della velocità della luce era una pesante eredità lasciataci dal precedente governo. #TunnelGelmini”

“Adesso almeno sappiamo dove sono finiti i soldi tagliati alle Università negli ultimi tre anni. #tunnelgelmini”

“Il #tunnelgelmini è un grande motivo d’orgoglio per il nostro paese. Il fatto che materialmente non esista è un dettaglio irrilevante.”

“E’ ufficiale: la Presidenza del Consiglio dà il patrocinio per l’ampliamento del #tunnelgelmini fino a #Sucate.”

“Il Ministero si giustifica: ” Pensavamo fosse 1 Aprile” #tunnelgelmini”

E Famiglia Cristiana rincara la dose.
Buon divertimento, e ricordatevi di fare un giro al tunnel Gelmini 😉

Piantagioni di marijuana in Giappone, assorbiranno le radiazioni

Girasoli e cannabis: secondo il sito web francese Alchimia Web – che probabilmente approfitta per farsi un po’ di pubblicità – basterebbe trasformare le zone del Giappone contaminate dalle radiazioni in piantagioni di marijuana (o girasoli) per assorbire gli isotopi pericolosi, come il cesio 137 e lo stronzio 90, fino all’80%.

Secondo il quotidiano Le Parisien, che ha intervistato alcuni ricercatori, è possibile anche usare la colza, che poi potrebbe ancora essere utilizzata per produrre biodiesel;  la cannabis andrebbe invece incenerita in apposite strutture in grado di gestire le ceneri radioattive

Fonte: www.zeusnews.com   –   link

Immagino già un pellegrinaggio globale di fattoni che andranno a respirare “l’aria buona”, specialmente quando inceneriscono la marijuana.