L’altra faccia di YouTube

Suppergiù questo è YouTube

YouTube non è solo la patria dei gatti che suonano la http://sfadi.org/buy-viagra-online/ pianola, anzi ultimamente è una specie di vaso di Pandora di conoscenza, curiosità e passione per la scienza. Esatto, nerd.

  • Minute Physics
    Un canale che pubblica spiegazioni semplici e concise (solitamente mai oltre i 2 minuti) di problemi relativi alla fisica ma non solo. Lo stile dei video è poi particolarmente espressivo: sketching in stop motion. Non vi resta che guardare questa interessante spiegazione: se ci sono così tante stelle, perchè il cielo è buio?
  • VSauce
    VSauce è un canale davvero stimolante, nei suoi video Michael si pone domande davvero insolite, che anche se possono sembrare stupide aprono la strada a considerazioni interessanti e conclusioni inaspettate. Buona visione!
  • Asap SCIENCE
    Sulla falsa riga di Minute Physics, questo canale propone pillole di scienza “quotidiana” e curiosità nello stesso stop-motion sketch che abbiamo visto prima
  • Numberphile
    Numberphile è molto british (non riesco mai a trattenere un sorriso sentendo la pronuncia di James, lol), un canale dedicato alla matematica a 360°, dai trucchi di magia con i numeri alla congettura di Goldbach. Forse uno dei più nerd fino ad ora.
    Cosa c’è di più british e matematico di Enigma?
  • Sixty Symbols
    Un canale interamente dedicato alla fisica, gestito da numerosi scienziati dell’università di Nottingham (quella di Robin Hood!), trattano approfonditamente argomenti come meccanica quantistica e teoria delle stringhe, ma sono piuttosto bravi a spiegarle anche ai profani come noi
  • Periodic Table of Videos
    Sempre gestito dall’università di Nottingham, periodicvideos tratta argomenti di chimica. Attenti allo scienziato pazzo, ha un che di inquietante.
  • ViHart
    ViHart torna a parlare della matematica e dei suoi aspetti più strani e… belli

Cip cip!

Come non l’ho detto?
Sono su Twitter da qualche settimana!

Il mio nickname è @mattecapu, cliccate sull’immagine sopra per andare al mio profilo.
Se volete seguirmi, ne sarò felice, e poi saprò anche chi mi legge oltre agli spambot 😉

Se invece non siete già iscritti a Twitter, beh, ecco qualche considerazione.
Il bello di Twitter, e il motivo per cui mi sono iscritto, è che è una grande fonte di notizie, trend e sentimenti della rete. Qua a Modena c’è stato recentemente un terremoto piuttosto forte, e su Twitter già potevi trovare epicentro, intensità e profondità. Oltre alle reazioni più o meno spiritose della gente.
E’ stata una cosa del genere:


Altra cosa, seguendo questo e quel personaggio famoso sai tutte le novità praticamente live, molti (tipo Jovanotti) sono molto espressivi, giocherelloni e diretti su Twitter. Altri sono piuttosto vetrinosi, e non usano Twitter meglio di una formale pagina di Facebook: quelli non li seguo, o se li seguo sono così poco attivi che mi sono dimenticato di seguirli.

Ma nonostante questa apparenza di social network maturo, è un covo colossale di fallomarmocchi (per dirla alla Esclamazioni Antiquate)!
Sarà probabilmente perchè possono menzionare i loro idoli continuamente sperando che gli rispondano, o perchè quando twitta Justin Bieber credono che stia parlando con loro e si sentono mancare.
I topic trend (ossia gli argomenti più twittati) sono sempre occupati per 60% da frasi tipo “Justin Our Sunshine”, “Belibers Wants Justin”, “Miley Is The Best”, “Jonas Brothers Fans Wants They Back” e cavolate del genere. Il bello (per dire…) è che fanno a gara per far salire i propri TT nella classifica! E quindi ci saranno le JustinBiberine che spammano (letteralmente! Tonnellate di tweet!) la loro frasina truzzissima, e le JonasBrothersine che risponderanno incazzate con il doppio dei tweet, ritwettandosi a vicenda come scimmie che si spulciano. Oh my god! *turbato*
Se non altro se non segui questi deprivati mentali non visualizzi niente nello stream, ma ogni volta che guardi i TT ti senti mancare.

Quindi, tutto sommato, vi consiglio di iscrivervi (così mi potete seguire, eh!).
Alcune persone da seguire che mi stanno particolarmente simpatiche:

  • @matteobordone: opinionista? Non so cos alo faccia, ma per chi guarda La7 sarà familiare (G-Day!). E’ profondo senza esser pesante, mi piace
  • @AmandaBiussy: non è famosa ma è simpatica :)
  • @beppesevergnini: è Beppe Severgnini, giornalista irriverente e indagatore dei peggiori aspetti della società di oggi. Seguirlo è un must!
  • @DoesntMatterPod: in verità è uno Youtuber, ma è anche un simpatico twittatore
  • @lorenzojova: è Jovanotti, ne parlavo bene prima e ne parlo bene anche qui. Molto attivo, ama il contatto coi fan con cui scherza volentieri!
  • @rudy_zerbi: Rudy Zerbi, lo stronzo di Italia’s got talent, un po’ come Jovanotti, ma twitta più di rado

Buon Natale!

Amici lettori (aka “quei quattro spambot che visitano il blog”), vi devo ancora augurare un buon Natale!


Perchè non l’ho fatto prima?
Elenco le sfighe in ordine cronologico:

  1. 20/12/11 – Lo Spambot: 60 commenti di spam tutti in una volta, mi passa la voglia di scrivere sul blog
  2. 21/12/11 – Mi sembrava prematuro fare gli auguri di Natale 4 giorni prima, ossia “le ultime parole famose
  3. 22/12/11 – Lo Spambot – La vendetta: altri 80 commenti di spam
  4. 23/12/11 – Down dei server di Altervista: non accedevo più al blog
  5. 24/12/11 – La connessione ad Internet di Tiscali muore
  6. 25/12/11 – Tiscali va ai funerali della connessione e dichiara “Prematuro trovare un sostituto”

E oggi, grazie a un vicino generoso (anche se non sa di esserlo), riesco ad augurarvi un Natale migliore di quello della mia connessione ad Internet.

Google ci spia, e ci guadagna sopra.

Stavo gironzolando qua e là per Google AdSense, sistema di banner pubblicitari da inserire nel proprio sito per guadagnare con visite e clic, quando mi salta all’occhio questa pagina.

Cosa cosa cosa??
Google memorizza tramite AdSense e Google Search i siti che visito, sapendo quindi praticamente tutto quello che a me piace e cosa io faccio? Ma chi gli ha dato l’autorizzazione?
Loro se ne escono con la frase “ma se cancelli i cookies del browser allora le informazioni saranno cancellate”. E intanto invadono la mia privacy, senza nemmeno dirmelo. Perchè è stata una botta di fortuna che abbia trovato quella pagina, altrimenti ne sapevo tanto quanto prima.

Non è questo il modo. Se scrivessero su quella bella paginona di google.com che sanno in quali pagine navighi, scommetto che non sarebbe altrettanto efficiente il sistema di AdSense. E di solito la prassi non è che “io ti spio, ma se vuoi smetto”, dovrebbe essere “io non ti spio, ma se vuoi comincio”.
Invito tutti a premere quel bel tastone “Opt out” in quella pagina. Secondo loro dovrebbe disattivare per sempre il tracciamento delle pagine sul tuo browser.
Problema risolto! Finchè non cambi browser…

Telefilm senza fine

Non sto parlando di Beautiful, ma di tutti i telefilm che ho seguito fin’ora.
Non hanno una fine! Li abbandonano sospesi a metà! Costa tanto fare 1 episodio di conclusione?
L’ultima serie che ho visto, Stargate Universe, terzo capitolo della “saga” di Stargate, 14 anni di telefilm, uno si aspetta qualcosa di decente alla fine.
Invece, ultimo episodio, tutti che si ibernano sulla nave su cui si svolge l’ultima serie, tranne il protagonista che non riesce a far funzionare il meccanismo per potersi ibernare, dopo 40 episodi di tentativi di tornare sulla Terra, guerre con alieni, lotte per la sopravvivenza.
Pam, fine. 14 anni di Stargate in fumo. Potevano fare un solo episodio, era uguale!
Altro telefilm, Flash Forward. Nella prima puntata, tutto il mondo sviene e tutti hanno una visione su cosa gli accadrà sei mesi dopo. 20 e rotti episodi di indagini, ricerche, scoperte, azione. Arriva l’ultimo episodio e che succede? Con milioni di interrogativi aperti, svengono tutti di nuovo, altro flash forward e poi fine del telefilm. Ma si può?
Stessa cosa per Primeval, lascia tutti i protagonisti appollaiati su un albero nel Triassico. Anche se sembra sia stata annunciata una nuova serie, quindi rimane da sperare, sempre che si concluda qualcosa in 6 episodi da 40 minuti l’uno.

Dio che rabbia, e io che ci tenevo a vedere il finale di Stargate >.<

Piantagioni di marijuana in Giappone, assorbiranno le radiazioni

Girasoli e cannabis: secondo il sito web francese Alchimia Web – che probabilmente approfitta per farsi un po’ di pubblicità – basterebbe trasformare le zone del Giappone contaminate dalle radiazioni in piantagioni di marijuana (o girasoli) per assorbire gli isotopi pericolosi, come il cesio 137 e lo stronzio 90, fino all’80%.

Secondo il quotidiano Le Parisien, che ha intervistato alcuni ricercatori, è possibile anche usare la colza, che poi potrebbe ancora essere utilizzata per produrre biodiesel;  la cannabis andrebbe invece incenerita in apposite strutture in grado di gestire le ceneri radioattive

Fonte: www.zeusnews.com   –   link

Immagino già un pellegrinaggio globale di fattoni che andranno a respirare “l’aria buona”, specialmente quando inceneriscono la marijuana.

Stampanti 3D

PI: Una stampante 3D da ufficio?

Bellissimo questo articolo! Si parla di stampanti che stampano in 3D, utilizzando come inchiostro plastica (o resina) ad asciugatura rapida, e capaci di costruire veri e propri oggetti (con anche parti mobili) da un progetto CAD 3D o tramite il software di progettazione 3D fornito con la stampante.

Mi piacerebbe avere una figata del genere, ma 40 mila dollari è un bel prezzo XP